mercoledì 31 ottobre 2012

Torta Horror Chic - Morrigan Aensland cake





Prima che questo Halloween 2012 termini, portandosi via la mia festa preferita, voglio mostrarvi questa meraviglia di torta (almeno per quanto riguarda i miei gusti).
Quest'anno niente zucche, streghe, scheletri, ma una bella gnocca vampiressa manga dotata di grandisssssime tette orbite oculari che rapiscono l'attenzione di chiunque.
E sangue, sangue, dolcissimo sangue fatto di sciroppo di zucchero al sapore di cacao.

Forse a qualcuno può far storcere il naso.
Ma datemi bianco/nero/rosso e un po' di sangue (finto) e mi sento felice. *_*

martedì 16 ottobre 2012

Gift box and make up chanel cake


C'è chi ha un'idea già chiara sulla torta che desidera per il proprio compleanno.
Questo può rivelarsi un'arma a doppio taglio perchè se da un lato può facilitarti nella progettazione, dall'altro, ti fa camminare a piedi scalzi sui carboni ardenti qualora ti venga chiesto, seppur indirettamente, di confrontarti con un "pezzo grosso" del cake design.
E io, che sono solo il pesciolino Nemo in un oceano di Ursule e Tritoni, sfido l'impossibile.

La festeggiata mi fa vedere sul sito di Renato Ardovino questa torta QUI e mi chiede di riprodurla.

Panico. O_o

Stempera la mia tensione, elencando le cose che non le piacciono: il colore del pacco, i gioielli troppo vistosi, il fiocco floscio, i cammei e il bracciale dorati.
Insomma, boccia tutto. 
Per fortuna! Mia.
Rimane quindi solo l'idea di una torta fucsia a forma di pacco regalo con gioielli minimali e l'aggiunta di make up, lasciando spazio alla mia immaginazione.

Ho dribblato così, il confronto indiretto con chi è considerato il re delle torte italiano.
Mi inchino davanti a tale definizione ma...

Venite qua, avvicinatevi al monitor..shhhh...

Lasciatemi dì una cosuccia, tanto siamo in pochi qua, giusto io e voi:
"Renatuccio, carissimo, la prossima volta falle un po' più piccole ste palle!!
Se esistessero davvero così grosse in natura, nei fiumi dovrebbero installare i cartelli di pericolo esondazione di perle e nel mare, le ostriche sarebbero tutte obese!".
 

Suvvia eh. XD

  • Pan di spagna al cioccolato
  • Bagna al rum
  • Crema al mascarpone, latte condensato e panna montata
  • Gocce di cioccolato fondente
  • Pacco modellato col pan di spagna farcito e bagnato.
  • Copertura e decorazioni in pasta di zucchero modellate senza ausilio di stampi

lunedì 15 ottobre 2012

Torta Pulcino Pio




E torno così, dalle ceneri della mia cucina come una Cenerentola de' noantri, con una torta ispirata al tormentone dell'estate 2012: l'amato-odiato Pulcino Pio.
Fine settembre: gioivo nel pensare di aver dribblato il radiofonico cucciolo di gallina.
MA (particella sgarrupativa), mentre il mio mezzo neurone rimasto sano si gongolava pensando a  zucche, sangue, scheletri e streghe, teccallà che arriva la richiesta del pennuto.
Ovviamente penso subito di realizzarlo mentre il trattore lo schiaccia, in previsione del prossimo Halloween e soprattutto per vendicare coloro che hanno odiato quel suo motivetto martellante.
Il risultato sarebbe stata una torta macabra. Molto macabra.
Fortuna che il mezzo neurone si è reso conto della follia progettata e mi ha fermata in tempo!
  • Pan di spagna al cioccolato
  • Bagna leggermente aromatizzata al rum
  • Crema al mascarpone, latte condensato e panna montata
  • Gocce di cioccolato fondente
  • Copertura e decorazioni in pasta di zucchero fatte senza ausilio di stampi
  • Cake topper in pasta di zucchero modellato a mano
  • Tutto commestibile (tranne i baffi del gatto) 

Colgo l'occasione del mio fugace ritorno al blog per ringraziare tutti coloro che si sono followerizzati qui sul blog e quanti mi seguono anche sulla mia pagina facebook.
Sono assolutamente sorpresa dai numeri raggiunti diqquà e dillà, nonostante, io pubblichi una nuova torta ogni 27643 giorni.
Non riesco a spiegarmi cosa vi spinga a "seguirmi", però il mezzo neurone mi fa immaginare che siate tutti lì appollaiati e mi urliate: "E' daje su..e faccela vedè. La torta!".

E mi sale un'ansia, se ci penso!
(fu fu fu fu fu fu fu fu *soffio ripetutamente in un sacchetto di carta)