sabato 31 luglio 2010

Torta Maglia della Juve

Lo scorso giugno, a casa mia c'è stato il derby Napoli-Juventus.
Nello stesso giorno, una fidanzata voleva sorprendere il suo ragazzo con la torta-maglia del Napoli e una nonna far felice il nipote appassionato della Juve.

Non c'è stata tregua per il forno. Nè per me.

Questo è sempre pan di spagna, con crema Nesquik e crema al latte.
Tutta ricoperta di pasta di zucchero aromatizzata alla mandorla.
Lo scudetto è sagomato sulla pdz e dipinto a mano libera, senza stampo.

Il mio supervisore alle torte calcistiche alias papà, ha detto SI' :)
E i maschi del blog, che dicono?

venerdì 30 luglio 2010

Torta Maglia Napoli

Chi ha detto che le torte di compleanno più belle sono quelle dei bimbi?
Anche un fidanzato ha diritto a una torta che esprima una sua passione!

Per evitare pubblicità occulta all'acqua con la solitaria particella di sodio e per l'assonanza con il nome del festeggiato, ho preferito scrivere quest'ultimo con la glassa con lo stesso carattere della Lete..ops..l'ho detto :)
Guardatelo più da vicino. Vi piace?

Pan di spagna classico, sagomato a mano.
Bagna al latte e liquore al cioccolato fatto in casa.
Farcia di Crema Nesquik e crema al latte.

giovedì 29 luglio 2010

Pan di spagna al cacao


Morbidoso e umido che si scioglie in bocca come un soufflè. 
Ecco la ricetta per un pan di spagna al cacao, senza uova e senza burro.

Tortiera: 18 cm Ø (per averlo alto come in foto)
Cottura: 150° per 45 minuti, se necessario altri 5 minuti a forno spento.

Ingredienti:
200 gr. di farina 00
250 gr. di zucchero semolato
75 gr. di cacao amaro
450 gr. di latte
40 gr. di olio di semi di girasole
1 bustina di lievito per dolci

Preparazione:
Mescolate insieme farina, zucchero, cacao e lievito.
Poi aggiungete l'olio e il latte. Amalgamate bene tutto. 
Versate il composto in uno stampo di silicone o in uno stampo che avrete imburrato e cosparso di cacao.
Infornate!

Gnam!

martedì 27 luglio 2010

Hello Kitty bi-cake


Una torta con topper di Hello Kitty 3d.

Sotto, pan di spagna semplicemente aromatizzato alla vaniglia.
Farcito con crema al latte e gocce di cioccolato più cuore di crema Nesquik.

Sopra, una goduria di pandispagna/soufflè al cioccolato morbido e umido senza uova e senza burro, intervallato da un doppio strato di crema al latte.
Siete curiosi di vederla senza copertura??





lunedì 26 luglio 2010

Peep Toe Cake



Per la festa chic di addio al nubilato della mia carissima amica Anna, non poteva mancare una torta stylosa con delle scarpe dal tacco 12.

Sono stata più che esplicita.
Non solo gliel'ho detto, ma gliel'ho anche scritto a lettere cubitali: RIPENSACI.

Non mi ha dato ascolto..anzi.. si è sposata e...tadaaaaaan
E' in attesa della sua prima bimba!!


sabato 24 luglio 2010

Barbie Pink Cake



"Ecco come ti mangio la Barbie"
Mio fratello, qualche volta, mi ha minacciato così.
Da lì ha inizio il periodo della mia infanzia in cui decisi di chiudere tutte le mie barbie in uno scatolo per dedicarmi alla costruzione di fortezze con i lego per parcheggiarci le macchinine.

Da grande, vi faccio vedere io come si mangia una Barbie.
Per il compleanno della figliola di mia cugina, ho vestito Barbie con un pan di spagna ripieno di crema pasticcera e crema Nesquik. 
Decorato in mmf, petalo per petalo.
Gli altri due pan di spagna rendono, a mio parere, la torta mastodontica (io avrei preferito fare un'unica torta tonda più grande..) ma la mamma della festeggiata preferiva così :)


Questa è la foto che ho scattato dopo aver posizionato la tortona sul tavolo per l'happy birthday finale. 
Vedete quanti paparazzi c'erano a quella festa?
Immortalavano la mia opera.
Ero incredula. Ma felice.

Alcuni dettagli:


- 7 settembre 2009 -
Questa è la terza torta che ho fatto, mi ci son voluti due giorni di lavoro e la collaborazione del mio fido papà.

Guardatelo come si diverte:



..e questa sono io all'opera..


Chi indovina dov'è mamma? ;)

Red flowers cake


In mancanza di marshmallow bianchi, ho provato la ricetta della pasta di zucchero e questo è il risultato.
Sembra bella, no?
Ma vi assicuro che è stata una faticaccia ricoprire la torta, perchè non è elastica come il marshmallow fondant.
E soprattutto troppo stucchevole al gusto.
La farcitura invece...gnam..guardate la fetta.
Non vi sembra goduriosa?

venerdì 23 luglio 2010

Torta con calle rosa


Tutto è iniziato così. Da questa torta qui. 





Cosa accade quando in giro per il web, scopri che esiste il marshmallow fondant?

Che stampi la ricetta e vai alla ricerca di quelle caramelle morbide e appiccicose.
Avete mai visto nei telefilm americani, i protagonisti, abbrustolire del cotone bianco su un rametto di legno? No? Sì? Quello è il marshmallow! 
Ma qui in Italia, tranne qualcuno, la maggior parte non sa nemmeno cosa sia.

Qualche raro negozietto che ne è fornito, lo nasconde all'ultimo piano degli scaffali.
E poi lo si trova ripieno di cioccolato, rosa e verdi ricoperti di zucchero, torciglioni a strisce gialle - bianche - rosa, metà bianchi metà rosa, metà bianchi metà azzurri.
Ma mai completamente bianchi.

Bando alle ciance, vi presento la mia prima torta ricoperta di marshmallow fondant. 

Avevo già sbirciato, navigando in rete, le meravigliose possibilità offerte da questo impasto appiccicoso nel creare plastiche coperture di torte. 
Ma non ho messo le mani in pasta, finchè, mia suocera, non mi ha convinto a provarci facendomi vedere la foto di una splendida torta con le calle bianche, elegantissima. Al cui confronto, la mia, sembra la torta di compleanno di Barbie. 

Il pan di spagna è stato fatto da mia suocera a casa sua, perchè ancora non avevo convinto mia madre a profanare il suo forno mai usato.
La crema di farcitura è una crema simil Ferrero Rocher.
La bagna è latte zuccherato e nesquik.

Mia cognata, nel giorno del suo onomastico del 2009, mi è sembrata apprezzare... 


giovedì 22 luglio 2010

Benvenuti nel mio Bloggarosio!

Sono cresciuta adorando solo tre sapori: salato, ketchup e bruciato.
Perchè io non ho una mamma da Mulino Bianco.
Lei nemmeno sfiora lo stereotipo di mamma col grembiule che prepara succulenti pranzetti dalle portate infinite in attesa della fetta di torta cioccolatosa fatta in casa.
Non è nemmeno quella che sprona un'esemplare di figlia femmina ad imparare a cucinare per un futuro casalingo tra un marito_lupo_affamato e pappe verdastre biologiche per i suoi cuccioli.
Piuttosto è una sempre pronta a ribadire che murerebbe volentieri la porta della cucina e, quand'è di buon umore, che la chiuderebbe a chiave e la ingoierebbe.

Un anno fa, complice google, ho scoperto un mondo fatto di pandispagna, creme, pasta di zucchero, decorazioni e cioccolato.
Riuscite ad immaginare lo shock subìto da mia madre?
Sua figlia alle prese con pentolame e intrugli dolci?
Si è ripresa solo dopo la terza torta! 
E dopo un anno, è orgogliosa di me e quasi non ricorda più che ho osato togliere il sigillo di garanzia al forno della  sua cucina. 

P.s. Un grazie a Skar per il nome "Bloggarosio"..(BLOG + Saccarosio). Mi sarebbe piaciuto tanto chiamarlo così, ma poi ho optato per un nome più semplice.